Parcheggiare al ponte del Guat (m.1528 ) in Val Malga, raggiungibile da Malonno (Bs) o da Rino di Sonico (Bs). Da qui inizia l’escursione dirigendosi verso il Rifugio Gnutti (m.2166) con il segnavia n.23. Dapprima ci si incammina su strada sterrata quindi si incomincia a salire dolcemente svoltando a destra dopo il torrente. Dopo una breve salita inizia un sentiero pianeggiante in fondo al quale si inizia a salire sempre più ripidamente affrontando le “Scale del Miller” fino a sbucare in un pianoro e, proseguendo in modo quasi pianeggiante si tocca il Rifugio (ore 1.45) ove nelle vicinanza è adagiato il Laghetto Miller. Appena dopo il Rifugio si raggiunge un bivio dove noi svoltiamo a sinistra e proseguiamo con il segnavia n.1 (Alta Via dell’Adamello) con un sentiero stretto. Inizialmente si affronta una piccola salita quindi una discesa fino a raggiungere il caratteristico “Passo del Gatto”. Da qui (m.2103) si prende quota fino a raggiungere i m.2280 del Rifugio Baitone. Da qui inizia il ritorno alla nostra auto attraverso un sentiero zizzagante (segnavia n.13). L’escursione complessiva è di circa ore 4 generalmente facile anche se il tratto tra il Gnutti e il Baitone è esposto ed attrezzato da cordine metalliche di sicurezza. Da farsi da metà Giugno a Settembre.

E’ possibile scendere alla nostra auto dal Rifugio Baitone ma è possibile allungare l’ escursione raggiungendo il Rifugio Tonolini (m. 2450). Dal Rifugio Baitone si svolta a destra e si continua con il sentiero n.1 e si raggiunge il ” Tonolini ” dopo circa 40 minuti dal ” Baitone “. Per la discesa utililizziano il sentiero n. 13. In circa 30 minuti raggiungiamo l’ inizio della diga del Baitone. Da qui l’ itinerario è lo stesso di chi preferisce fare l’ escursione senza raggiungere il rifugio Tonolini. Il tempo complessivo di questa escursione (dal Ponte del Guat al Ponte del Guat) è di oltre ore 5. Difficoltà e periodo consigliato è lo stesso dell’ itinerario precedente.