Da Isola: Parcheggiare l’auto in località Isola di Val Saviore (Bs) a quota m. 880. Da qui si prende il sentiero n. 88. L’ escursione si sviluppa per la maggior parte nel bosco e attraverso una ripida mulattiera. Si raggiunge dopo circa ore 2.15 la diga del lago d’ Arno. Nei pressi della diga stessa prende avvio il sentiero n. 89 che costeggia il grande lago d’ Arno raggiungendo la punta orientale dello stesso prima e con una piccola salita la Pozza d’ Arno poi (circa 40 minuti dall’ inizio del lago). Escursione facile, adatta a tutti e il periodo consigliato va da giugno ad ottobre.

Da Paspardo: Parcheggiare a Paspardo – m. 978 (quasi alla fine del paese per chi proviene da Cimbergo – quasi all’ inizio del paese per chi proviene da Capo di Ponte) e imboccare la strada asfaltata che conduce al Rifugio Colombè – Zumella. Durante la salita si incontra il bivio che indica il “Sentiero dei Tre Fratelli – lago d’ Arno ” che noi prendiamo lasciando la strada asfaltata (prendere la sinistra). Ci si inoltra nel bosco con il sentiero n. 117 fino al raggiugimento di un altro bivio. Lasciamo il sentiero n. 117 che porta al rifugio Colombè e prendiamo il sentiero n. 22 (a sinistra). Si entra così nel versante della Val Saviore. Con alcuni saliscendi si superano delle vallette e tre costoni chiamati “tre fradei” (termine dialettale da cui il sentiero prende il nome), raggiungendo la diga del Lago d’ Arno dopo circa ore 3.30. Attenzione che ci potrebbero essere dei tratti franati. Dall’ inizio della Diga si costeggia il grande lago d’ Arno e si raggiunge la Pozza in circa 40 minuti. Escursione lunga, oltre 4 ore solo per l’ andata. Non presenta grosse difficoltà ma in alcuni punti il ” Sentiero dei 3 Fratelli ” è franato e in altri punti leggermente esposto. Escursione da farsi da metà giugno ad ottobre. [ ATTENZIONE: COMUNICATO DEL CAI CEDEGOLO ( 21 AGOSTO 2015): IL SENTIERO DEI “TRE FRATELLI”, SEGNAVIA N° 22, COLLEGANTE PASPARDO AL LAGO D’ARNO E’ INTERROTTO DA UNA FRANA! E’ VIVAMENTE SCONSIGLIATO AD ESCURSIONISTI INESPERTI VISTA L’INSTABILITÀ’ DELLA ZONA FRANATA. ]

La base di partenza può essere anche un’ altra. Per chi proviene dal Badetto di Ceto passando da Cimbergo può lasciate l’ auto nel parcheggio a sinistra all’ inzio del paese di Paspardo. Da Via Monte Croce si sale alla nostra destra (indicazioni).

Da Valle di Saviore: Raggiungere Valle di Saviore, superare il paese e parcheggiare in località ” Rasega ” a quota m. 1174 (nei pressi del campo sportivo). Da qui parte la nostra escursione (primo tratto sentiero n. 20); si lascia l’auto e si supera un ponte sul torrente Poia. Appena al di là s’incontrano alcune case rustiche e baite; poi s’imbocca una mulattiera acciottolata che, con qualche tornante e alcuni tratti ripidi, risale il bosco. Dopo oltre un’ora di cammino si giunge alla Malga Campellio – m. 1607. Si continua ancora la nostra escursione fino a raggiungere una radura a quota m. 1850 ed incontrando il bivio col sentiero 20A, che scende direttamente al Lago d’Arno. Con questo sentiero, superato un buio tratto in galleria, si giunge agli edifici di servizio ed alla diga che racchiude il lago d’ Arno (circa ore 3.15 dalla Rasega). Da qui s’imbocca la pianeggiante stradina (segnavia 89) che costeggia tutto il lato settentrionale del grande bacino. Un ultimo tratto in leggera salita e si arriva al pianoro che ospita la “Pozza d”Arno” (m. 1897 – circa ore 4 dalla Rasega). Escursione che non presenta difficoltà e il periodo consigliato va da giugno ad ottobre.