Laghi della Val Salarno (Macesso-Salarno-Dosazzo)

Raggiungere Saviore dell’ Adamello e quindi la località di Fabrezza (m. 1458) e qui parcheggiare. Ci si incammina (sv. n. 14) per una mulattiera che ben presto scavalca il torrente Poia attraverso un ponticello. Superati i tornanti di un primo tratto ripido, l’ itinerario diventa più comodo per un tratto. Si continua e il percorso diviene ancora ripido superando le malghe di Macesso di sotto (m. 1758) e Macesso di sopra. Si raggiunge il verde pianoro occupato dall’ alveo dell’ ormai scomparso Lago Macesso. Ora si sale e con un breve tratto faticoso si raggiunge la diga del Lago Salarno (m. 2070). Si costeggia il Lago sul lato nord-occidentale e si giunge al Lago Dosazzo (m. 2084) dopo circa ore 2 dalla partenza. Si consiglia di proseguire l’ escursione raggiungendo il Rifugio Predenzini (m.2225) in circa 30 minuti dall’ inizio del lago Dosazzo. Escursione facile adatta a tutti da farsi da Giugno a Settembre.